Il sequestro lampo del ragionier Giuseppe Spinelli, uomo di fiducia di Silvio Berlusconi, avvenuto tra il 15 e il 16 ottobre scorso, ha portato ieri all’arresto di sei uomini: tre italiani e tre albanesi. La banda voleva 35 milioni di euro in cambio di documenti, a loro dire, in grado di ribaltare la sentenza Lodo Mondadori. Dopo dodici ore di “prigionia” il contabile, ufficiale pagatore delle Olgettine, è stato liberato. Ma solo il giorno dopo la denuncia, tramite l’avvocato Niccolò Ghedini, è stata depositata. Alcune conversazioni intercettate tra gli indagati ha fatto ipotizzare alla Procura il pagamento di un riscatto da 8 milioni di euro, ma gli uomini della Squadra Mobile e della Polizia giudiziaria di Milano, coordinati dalla Dda, non hanno trovato che banconote fac-simile e armi giocattolo. Oggi sia Spinelli che Ghedini hanno negato che ci sia stata trattativa con i rapitori o che sia avvenuto il pagamento di una somma di denaro. L’ipotesi prevalente, su sui stanno lavorando gli inquirenti, è che si sia trattato di una truffa finita male. Accertamenti sono in corso in Svizzera e la lista degli indagati si sarebbe già allungata con altri sei nomi.

Ecco l’ordinanza di custodia cautelare firmata dal giudice per le indagini preliminari 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sequestro Spinelli, Ghedini: “Nessun riscatto e nessuno ruolo di Berlusconi”

prev
Articolo Successivo

Caso Durnwalder, ecco le email di accusa

next