Mancano i soldi per coprire i tagli alla scuola ed inevitabilmente torna il rischio delle 24 ore settimanali per gli insegnanti. La commissione Bilancio della Camera, infatti, è arrivata a un punto morto sul tema. Allo stato attuale mancherebbero infatti 389,2 milioni di euro di copertura, sui 565 previsti dalla spending review. Il presidente della Bilancio, Giancarlo Giorgetti (Lega), dice che il ministero dell’Istruzione “non può pensare che siano altri comparti dell’amministrazione a farsi carico dei tagli alla scuola”. Quindi, o nella seduta di domenica sull’esame del ddl (convocata alle 17), il governo si presenta con un emendamento “oppure si procederà con i tagli lineari”. Scettici anche i relatori, per Renato Brunetta, ormai, serve “un miracolo”.

Il Ministero dell’Istruzione, però, ha definito priva di fondamento l’ipotesi di un ritorno dell’aumento dell’orario degli insegnanti. La discussione della legge di stabilità in Commissione Bilancio della Camera – spiegano a Viale Trastevere – va avanti e si stanno vagliando alternative per garantire la necessaria copertura finanziaria.

Il piano di tagli previsto dalla spending review prevedeva infatti 157 milioni di tagli nel 2012, 172 milioni di tagli nel 2013 e 236 milioni nel 2014. A fronte di questo piano, il ministero dell’Istruzione ha portato in commissione una proposta che prevede tagli per 74,6 milioni nel 2012, 50,6 milioni nel 2013 e 50,6 milioni nel 2014. “E’ una situazione di empasse”, spiega il co-relatore Pier Paolo Baretta (Pd), rilevando che “solo perche’ si tratta della scuola, la commissione ritiene opportuna un’ulteriore istruttoria”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strasburgo condanna la finanziaria 2006, l’Italia pagherà 1,8 milioni

next
Articolo Successivo

Lavoro nero in ‘casa Fornero’: co.co.co irregolari al centro ricerca del Ministero

next