Lo spread sfiora i 360 punti base. L’incertezza per le presidenziali americane e per il voto parlamentare in Grecia sul nuovo pacchetto di austerità fanno incrementare il differenziale di rendimento tra il Btp e il Bund tedesco. Bonos spagnoli che si trova a quota 432, con un rendimento del 5,75%. “Il calo di oltre 200 punti dello spread dell’Italia è abbastanza importante” dice all’Ansa il segretario generale dell’Ocse Angel Gurria, invitando però a “mantenere sui mercati un’allerta credibile” con la possibilità di attivare l’aiuto Ue e Bce. “Il bazooka va caricato e puntato, e, se serve, attivato”.

Situazione negativa anche per i mercati finanziari. La Borsa di Milano ha aperto in calo con perdite anche superiori alle altre piazze europee: l’indice Ftse Mib si attesta intorno a -1,34%. In Europa si è ormai entrati in clima di attesa per le elezioni Usa: Londra cede lo 0,65%, Parigi lo 0,8%, Francoforte lo 0,72%, maglia nera a Madrid (-1,44%), mentre Atene ha aperto in rialzo registrando un +0,33%.

Con il peggioramento dello spread giù anche le banche: Unicredit -1,4%, Intesa -1,98%, Banco Popolare -2% e la peggiore Banca Popolare Emilia Romagna (-2,66%). Male assicurazioni e risparmio gestito. Piazza Affari accusa la giornata negativa più degli altri mercati, appesantita dallo spread e dai titoli bancari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Evasione e fondi off shore’. Maxisequestro in casa Marzotto, congelati beni per 65 milioni

prev
Articolo Successivo

Taranto sta cambiando perché l’Ilva non cambierà mai

next