Get right e una scalinata alla Wanda Osiris. Così Jennifer Lopez ha stregato l’Unipol Arena di Casalecchio di Reno a Bologna, unica data italiana del suo mega tour internazionale da quando la Jennifer from the block è uscita dal ghetto e ha realizzato il sogno americano.

Con un corpo di ballo tutto bicipiti e quadricipiti, prima in frac, poi modello teppaglia nel cortile del Bronx, la Lopez ha riempito l’Arena di Casalecchio (ma non l’ha esaurita in ogni ordine di posto) inanellando decine di successi della sua fulminante carriera contornata da quello che oramai è diventato elemento del discorso musicale tout court: l’aspetto scenografico e performativo. Laser, fuochi d’artificio, palchi che mutano in continuazione  tra le note arrembanti di Let’s get loud e una più soft I’m into you, il pop dance latino della Lopez ha trascinato una folla adorante non proprio adolescenziale, ma con una media anagrafica a cavallo tra i 30 e i 40 anni.

Altro spettacolo nello spettacolo, il ballo. Quando ancora Lady Gaga sognavano il dimenarsi nel live, Jennifer era già la regina dell’olimpo del comparto danza più canto. E ieri sera l’ha confermato rilanciando di continuo una performance travolgente e sensuale.  

Nella mattinata di ieri l’arrivo della cantante portoricana aveva mandato in tilt il centro storico di Bologna nelle vicinanze dell’hotel Baglioni, assediato dai fan.  

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bv Tech, la Regione attacca la Fiom: “Colpa sua se gli operai rimarranno a casa”

prev
Articolo Successivo

Calcio: morto Helmut Haller, fece grande il Bologna

next