Un bicchiere di vino dal sapore speciale: quello della solidarietà per i malati di sclerosi laterale amiotrofica. Domenica, in oltre 100 piazze d’Italia , i volontari di Aisla Onlus (Associazione italiana Sla) saranno presenti con la campagna ‘Quello buono sostiene la ricerca’, vendendo a 10 euro bottiglie di Barbera d’Asti Docg, create in edizione limitata appositamente per la Giornata nazionale Sla. I fondi saranno devoluti a un progetto di counselling genetico per la famiglie dei pazienti. L’elenco delle piazze è disponibile online su www.aisla.it. Fino al 14 ottobre, inoltre, sarà attivo il numero 45505 per Sms o telefonate solidali.

La Giornata della Sla si celebra il 7 ottobre in ricordo del primo sit-in dei malati a Roma nel 2006, quando vennero avanzate al ministero della Salute precise richieste per la difesa della cura e dell’assistenza ai pazienti con questa grave malattia neurodegenerativa. Giunta alla quinta edizione, la Giornata ha ricevuto l’alto patronato del Presidente della Repubblica e il patrocinio dell’Associazione nazionale Comuni Italiani, ed è organizzata in in collaborazione con Camera di Commercio di Asti, Provincia di Asti, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, Consorzio Tutela Vini di Asti e del Monferrato, e con il patrocinio del Comune di Milano. I finanziamenti raccolti – spiega Aisla in una nota – sosterranno uno studio biennale il cui obiettivo è elaborare un modello di counselling clinico-genetico specifico per il paziente con grave malattia neurodegenerativa come la Sla, non escludendo ulteriori possibili applicazioni ad altre malattie neuromuscolari. Inoltre, lo studio permetterà di aumentare e migliorare i dati clinici e genetici raccolti in un database dedicato, utile per la ricerca delle correlazioni tra modalità di espressione della malattia e risultati genetici ottenuti.

Il coordinamento del progetto sarà affidato a Massimo Corbo, direttore clinico del Centro Nemo con sede all’ospedale Niguarda di Milano, dedicato allo studio e alla cura delle malattie neuromuscolari. Si potrà aiutare il progetto anche attraverso il numero solidale 45505: il contributo sarà di 2 euro per ogni Sms inviato da cellulari Tim, Vodafone, Wind, 3, PosteMobile, CoopVoce, Tiscali e Nòverca, di 2 euro per ciascuna chiamata da rete fissa TWT, e di 2 o 5 euro per ciascuna chiamata da rete fissa Telecom Italia, Infostrada, Fastweb e Tiscali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoti, costruito apparato in grado di simulare sisma di grande magnitudo

next
Articolo Successivo

Il medico: una professione ferma a un secolo fa

next