Migliore sito d’informazione nelle scorse due edizioni e quest’anno Il Fatto Quotidiano è miglior sito di analisi politica. La premiazione è avvenuta a Riva del Garda (Trento) in occasione della BlogFest, l’evento che ogni anno riunisce le community nate dai social network, da Twitter a Facebook, alle chat e ai forum. Il ‘MacchiaNera Italian Awards 2012‘ è assegnato in base ai voti degli utenti. Quest’anno ne sono stati raccolti oltre trentamila.

Tra i vincitori, Giallozafferano si conferma per il terzo anno consecutivo il miglior sito di food, Matteo Renzi è il miglior politico su Twitter, Emergency vince la categoria di sito a sfondo sociale, Spinoza vince per la miglior satira e Dagospia come il più cattivo. Il premio Macchianera, assegnato ai social network più votati dal pubblico, è andato al servizio twitter “Ingv Terremoti”, ideato dai ricercatori dell’istituto Antonio Piersanti, Emanuele Casarotti e Valentino Lauciani. Nato all’inizio del 2010, “Ingv terremoti” ha finora inviato 10.500 tweet e ha raggiunto circa 75mila follower. 

Focus invece è il migliore sito web tecnico-divulgativo d’Italia. “Siamo molto orgogliosi di ricevere questo premio – ha dichiarato la direttrice Francesca Folda – perché dimostra quanto anche gli utenti della rete, sempre pronti a confrontare le fonti e valutare le notizie, apprezzino il lavoro accurato e puntuale della redazione digitale di Focus”.YouReporter ha vinto il premio come miglior community del 2012, ma c’è anche la categoria dei premi ‘negativi’. Per la categoria “Twitter da salvare togliendogli l’account” vince Roberto Formigoni e l’hashtag più votato del 2012 risulta essere #VadaABordoCazzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Not found”, solidarietà in Rete: il sito per cercare i minori scomparsi

prev
Articolo Successivo

We are Legion: la storia di Anonymous da Tom Cruise a Julian Assange

next