Se per malattie genetiche dei bambini come la sindrome di Down si guarda sempre all’età della mamma, anche quella del papà ha i suoi effetti sulla salute del nascituro: secondo uno studio pubblicato da Nature problemi come autismo e schizofrenia potrebbero essere ricondotti proprio a questo fattore.

L’analisi coordinata dall’azienda islandese Decode Genetics ha esaminato l’intero genoma di 78 “terzetti” formati da madre, padre e figlio, in cui i genitori avevano un’eta media intorno ai 30 anni, per verificare quante mutazioni genetiche venivano trasmesse da una generazione all’altra. Lo studio ha scoperto che in media un bambino nato da un padre di 20 anni ha 25 mutazioni casuali dovute al papà, un numero che cresce di due mutazioni ogni anno arrivando a 65 in un uomo di 40 anni.

Nella donna invece, che produce tutti gli ovuli entro la pubertà, le mutazioni sono sempre 15, indipendentemente dall’età. La maggior parte di queste mutazioni sono assolutamente non pericolose, scrivono gli autori, ma in alcuni casi possono aumentare il rischio di problemi neurologici come autismo e schizofrenia, e il fenomeno dei padri sempre più anziani potrebbe essere alla base del 20-30% dell’aumento dei casi di autismo che si registra negli ultimi anni: “E’ assolutamente sbalorditivo che l’età del padre sia così determinante in questa malattia – scrive Kari Stefansson, uno degli autori – e lo è ancora di più che invece l’età della madre non abbia alcun effetto”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Menopausa, ricercatori: “Arriva prima per evitare conflitti suocera nuora”

next
Articolo Successivo

Vortici lunari, enigma risolto

next