La notte scorsa carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Lecce hanno accompagnato all’interno dello stabilimento Ilva di Taranto i custodi e amministratori giudiziari delle aree e degli impianti sottoposti a sequestro. Si tratterebbe, a quanto si è appreso, di un normale controllo. Il gip Patrizia Todisco ha affidato ai custodi giudiziari il compito “di garantire la sicurezza degli impianti e utilizzarli in funzione della realizzazione di tutte le misure tecniche necessarie per eliminare le situazioni di pericolo e della attuazione di un sistema di monitoraggio in continuo delle emissioni inquinanti”.

L’ispezione a sorpresa è durata circa quattro ore: da poco prima della mezzanotte alle 4 del mattino e ha riguardato le acciaierie 1 e 2 e il settore gestione rottami ferrosi. Così come richiesto dal gip Todisco con l’ordinanza del 10 agosto scorso, con la quale il giudice ha ordinato lo stop degli impianti sequestrati il 26 luglio e ha chiesto ai custodi una relazione settimanale, i tre tecnici hanno preso atto e documentato il funzionamento della produzione in corso. Sono quindi stati ascoltati i capiturno e gli operai in servizio negli impianti. Le ispezioni a sorpresa – a quanto è dato sapere dagli investigatori – continueranno nei prossimi giorni, come chiesto dal giudice.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, via il numero verde anti-droga: “Tagli al budget e motivi politici”

next
Articolo Successivo

Trattativa Stato-mafia, un mese di scontro tra Colle e pm di Palermo sulle intercettazioni

next