Avevano promesso che lo avrebbero liberato dopo pochi giorni, e così è stato. Il carabiniere italiano 29enne Alessandro Spadotto, responsabile della sicurezza dell’ambasciatore italiano a Sana’a, era stato rapito domenica 29 luglio ed è stato rilasciato in serata. 

Secondo fonti ufficiali citate dall’agenzia Reuters il carabiniere si troverebbe “in buone condizioni”. Consegnato al governatore della regione di Maarib, come ha riferito all’Ansa il presidente dell’associazione italo-yemenita, Arhab Al Shari, a breve giungerà presso l’ambasciata italiana. 

Al momento del sequestro era in abiti civili in una zona commerciale della capitale yemenita. Era ostaggio degli uomini di Ali Nasser Huraikdan, capo della tribù al-Jalal, che risiede nella provincia orientale di Maarib,  regione petrolifera ad est della capitale yemenita, dove era stato condotto dopo il sequestro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Agguato a Lecce, muore operaio che montava il palco di Laura Pausini

prev
Articolo Successivo

Colosseo, il restauro da 25 milioni di euro “offerto” da Della Valle

next