Due carabinieri sono stati condannati oggi, uno a un anno di carcere, l’altro a nove mesi, per aver pestato nella caserma di Montebello a Milano un uomo, fermato a bordo di un’auto rubata. Un terzo militare dell’Arma invece dovrà scontare quattro mesi per favoreggiamento e omessa denuncia, perché secondo l’accusa, aveva cercato di coprire il pestaggio. Le pene sono state inflitte dal giudice della prima sezione penale del capoluogo lombardo, Cristina Dani per il reato di lesioni aggravate.

L’aggressione sarebbe avvenuta il 12 agosto 2009, quando i due durante un servizio in strada, bloccarono Luciano F., con precedenti per droga, mentre guidava una macchina rubata. L’uomo venne portato in caserma e, stando alle indagini del pm di Milano Antonio Sangermano, i due militari, Piero Paolo A., 44 anni, e Gianluca P., 29 anni, gli chiusero la bocca con del nastro adesivo e poi lo picchiarono mentre era steso a terra, con le mani legate, usando anche dei manganelli. Dopo l’aggressione, all’uomo venne contestata anche l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale e venne portato San Vittore.

L’uomo, che nel procedimento si è costituito parte civile, ha ottenuto un risarcimento a titolo di provvisionale di 7 mila euro, il risarcimento verrà stabilito in sede civile. Anche la vittima è stato condannato per gli stessi fatti, nell’ottobre del 2010, quando il giudice per le indagini preliminari, oltre a mandare a processo i tre imputati, gli diede un anno e 4 mesi di reclusione, con rito abbreviato, con l’accusa di calunnia. Durante la ricostruzione dei fatti avrebbe raccontato agli inquirenti alcuni particolari falsi, come l’aver perso un dente per un pugno in faccia, in realtà mai subito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Varese, frode fiscale per 23 milioni di euro. Tredici aziende coinvolte

prev
Articolo Successivo

Morto Sergio Pininfarina, designer di auto e senatore a vita

next