Chiede asilo politico, come un rifugiato. Da tempo Julian Assange, la mente di Wikileaks la più grande sorgente di notizie secrete degli ultimi tempi, si è rifugiato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra  chiedendo aiuto e sostegno. La notizia è stata diffusa in una conferenza stampa dal ministro degli esteri dell’Ecuador Ricardo Patino, precisando che la richiesta dell’ideatore di Wikileaks è allo studio. Il ministro Patino ha anche spiegato che Assange ha inviato una lettera al presidente Rafael Correa, in cui, tra le altre cose, assicura che è in atto “una persecuzione” nei suoi confronti, per cui si vede appunto costretto a chiedere l’asilo politico.

Il creatore di Wikileaks, che con la sua azione ha inondato la rete di documenti riservati facendo la gioia di molti cronisti ma attirandosi le ire di tanti paesi, afferma proprio che la persecuzione “di cui sono oggetto in vari paesi, deriva non solo dalle mie idee e dalle mie azioni, ma anche dal mio impegno per pubblicare informazioni che coinvolgono i potenti, di rendere nota la verità e, con ciò, di smascherare la corruzione ed i gravi abusi dei diritti umani nel mondo”. Nella conferenza stampa in cui ha annunciato che il fondatore di Wikileaks si era rifugiato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, il ministro degli Esteri dPatino non ha voluto rispondere a domande, ma ha giustificato il diritto di Assange di chiedere asilo politico alla luce del suo timore di essere estradato in un paese estero.

Il fondatore di Wikileaks, che aveva perso il ricorso in appello contro l’estradizione in Svezia (che chiede gli venga consegnato perché riconosciuto responsabile di violenza sessuale, ndr), è quindi sotto la protezione della rappresentanza diplomatica. Alla fine del 2010 era stato il paese sudamericano a dirsi disponibile a offrirgli la residenza nel Paese.

 

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Egitto, in attesa dei dati del ballottaggio è scontro tra militari e Fratelli Musulmani

next
Articolo Successivo

Egitto, ‘Mubarak clinicamente morto’. Ma il suo avvocato smentisce le agenzie

next