La prima volta che nelle cronache italiane, recenti, compare una Tokarev è nel 1981 quando gli uomini della Digos arrestano un componente di Prima Linea. A Milano viene arrestato Maurizio Pedrazzini, all’epoca latitante e conosciuto con il nome di battaglia di Pedro. Quando i poliziotti lo bloccarono in corso Buenos Aires, Pedrazzini aveva infilata nella cintura dei pantaloni una Tokarev calibro 7.62. Un mitra Tokarev fu trovato nel covo brigatista di via Montenevoso dove fu recuperato il memoriale di Aldo Moro. Era l’ottobre del 1990.

E’ un’arma usata anche dai terroristi palestinesi, “trafficata” in Libano, ma anche in Africa. Nei blitz contro la criminalità organizzata questa la pistola di fabbricazione russa, prodotta a partire dal 1934 e utilizzata dall’Armata Rossa, è stata sequestrata in grande quantità probabilmente per la facilità con cui arrivava dai paesi dell’est e in particolare dall’ex Jugoslavia. In particolare gli uomini delle forze dell’ordine l’hanno trovata in Puglia, Sicilia e Friuli Venezia Giulia. L’ultimo sequestro è avvenuto il 24 febbraio scorso a Carmiano, in provincia di Lecce, dove i carabinieri hanno sequestrato un arsenale della Sacra Corona Unita: tra le altre cose furono trovati un fucile Benelli super 90 calibro 12 e, appunto, una Tokarev. E’ un’arma che viene ritenuta molto affidabile e che molto difficilmente si inceppa. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Abuso edilizio ad Anacapri, Montezemolo condannato a un anno

prev
Articolo Successivo

Milano: tassista ucciso, pm chiede pene fino a 23 anni per fratelli assassini

next