Decine di onlus e di associazioni sportive riammesse alla ricezione dell’otto per mille per il 2006, 2007 e 2008. Tra queste anche la Caritas italiana che riceverà 232mila euro, la Fondazione italiana sclerosi multipla a cui andranno 867 mila euro, la Fondazione Bettino Craxi, destinataria di ‘soli’ 38mila euro.

L’Agenzia delle Entrate, come scrive il Sole 24 Ore, ha infatti pubblicato sul suo sito gli elenchi degli enti, anche sportivi, che potranno ricevere i fondi relativi al triennio e per farlo è riuscita a recuperare quasi 16 milioni di euro. Il denaro infatti è ripartito nel periodo in ordine crescente. Nel 2006 l’importo disponibile è di un milione di euro, che sale a 4,6 milioni per il 2007 e l’anno successivo sorpassa i 10 milioni.

Gli elenchi delle associazioni ‘promosse’, come di quelle escluse, sono pubblicati sul web alla voce “5 per mille” a cui si accede dalla home del sito. La riammissione e la relativa assegnazione dei fondi è avvenuta a seguito del decreto legge “milleproroghe” che, come leggiamo online, “ha posticipato al 30 aprile 2010 il termine per l’integrazione documentale delle domande di ammissione al beneficio del cinque per mille regolarmente presentate per gli anni finanziari 2006, 2007 e 2008”, elemento che “consente alle ‘onlus’ e agli ‘enti del volontariato’ che hanno presentato la domanda di iscrizione al beneficio e sono stati, in seguito, escluse per mancato o tardivo invio della dichiarazione sostitutiva ovvero per averla prodotta in maniera incompleta, di poter regolarizzare la propria posizione”.

Tra i beneficiari anche l’Associazione nazionale mutilati e invalidi civili (141mila euro), Villaggi Sos Italia (355mila) e il centro ospedaliero San Donato (112mila).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rendiamo i paradisi fiscali un diritto di tutti

prev
Articolo Successivo

Debito, l’ignoranza delle classi dirigenti

next