E’ partita sfidando la pioggia – che si è fermata solo a tarda sera – la fiaccolata per ricordare le 309 vittime del terremoto che il 6 aprile del 2009 distrusse L’Aquila e altri 56 paesi del circondario. Nella notte hanno partecipato al corteo, organizzato dai comitati cittadini in collaborazione col Comune, circa 10.000 persone. Tra gli altri c’erano anche il ministro per la Coesione territoriale Fabrizio Barca, il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente, e il commissario per la ricostruzione e presidente della Regione Gianni Chiodi.

Il ministro ha motivato la sua presenza non solo come impegno in rappresentanza del governo, ma anche per motivi personali: “Una tragedia – ha detto – che mi ha avvicinato all’Aquila tre anni fa; una causa ‘sposata’ allora: anche per questo sono qui”. Il corteo è aperto da striscioni degli studenti universitari – con le foto degli otto giovani morti nella Casa dello studente e la scritta ‘E’ triste leggere negli occhi di mamma e papà la certezza che neanche stasera tornerò a casa’ e dell’Assemblea ’29 giugno di Viareggio’ (‘Verità – giustizia, sicurezza per Viareggio’).

La fiaccolata si è conclusa in Piazza Duomo, dove alle 3:32, in concomitanza con la scossa fatale di quel giorno, 309 rintocchi della campana della chiesa delle Anime Sante hanno ricordato le vittime del sisma.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dimissioni di Bossi, il giorno più lungo in via Bellerio

next
Articolo Successivo

Milano, l’avvocato della ‘ndrangheta e il sostegno elettorale all’assessore Colucci

next