Avanti tutta. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano continua ad auspicare riforme e politiche per la crescita: “Bisogna andare assolutamente avanti nel processo di riforma che deve essere accompagnato da politiche per la crescita e l’occupazione e dalla necessaria severità fiscale, ha dichiarato oggi al Quirinale a margine dell’incontro con il neo presidente bulgaro Rosen Plevneliev. Il Capo dello Stato ha però aggiunto che portando avanti queste politiche di risanamento bisogna tenere conto “delle situazioni socialmente critiche e difficili che si vanno determinando, ma non esitando a proseguire sul cammino delle riforme”.

Napolitano si è poi soffermato sulla crisi internazionale: “L’Unione Europea sta affrontando una crisi economica e finanziario molto complessa e difficile: l’Italia ha dato il suo contributo ad una scelta giusta come quella del ‘fiscal compact’, un accordo internazionale che ci consentirà di consolidare la stabilità e di avere uno sviluppo su basi sane e durature”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I ‘giornalisti’ a cui piace (o conviene) scrivere gratis

prev
Articolo Successivo

Torino, fonici del Tribunale in agitazione: “Siamo ultimo gradino prima del lavoro nero”

next