La famiglia Cosentino ha chiesto il sequestro del libro “Il Casalese”, pubblicato dalla casa editrice Centoautori di Villaricca, e dedicata all’ascesa di Nicola e i suoi fratelli.
Come se non bastasse la famiglia ha anche chiesto un risarcimento pari ad un milione e duecentomila euro, ed ha diffidato chiunque dal promuovere dibattiti e presentazioni.

Tanto ci basta per dichiarare che compreremo il libro, lo diffonderemo, ne parleremo ovunque.
Lo faremo perchè gli autori del libro sono persone coraggiose, che hanno sempre contrastato mafie e camorre, non hanno partecipato ai battesimi e alle feste dei casalesi, non hanno chiesto i loro voti, neanche “a loro insaputa”.

Lo faremo perchè la richiesta di sequestro è un atto barbaro, un tentativo di imbavagliare autori da tempo oscurati, cancellati, emarginati.

Per questo è giusto non solo solidarizzare, ma anche promuovere letture ad alta voce del libro.
Chiunque vorrà e potrà farlo promuova la lettura di alcune pagine, magari in piazza, agli angoli delle strade, da qualche tetto di Caserta.

Chi sa se chiederanno il sequestro di tutto e di tutti, purtroppo per loro e per “I Casalesi”, non riusciranno a cancellare questo libro, ma soprattutto non riusciranno a far sparire tutti i documenti e le testimonianze che sono riportate nel libro “Il Casalese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il cervello di Einstein

prev
Articolo Successivo

“Dalla parte del torto”, il nuovo lavoro di Giulio Casale

next