“La trattativa non è possibile. Purtroppo c’è una denuncia per occupazione abusiva e io non ci posso fare niente”. Si è concluso così il tentativo di mediazione dell’assessore bolognese alle politiche abitative Riccardo Malagoli. Dalle 6 e mezza di questa mattina due attivisti del sindacato Asia Usb sono sul tetto di una casa in via San Donato, per tentare di opporsi ad uno sgombero ormai annunciato. Lo stabile, una piccola villetta di due piani alla prima periferia di Bologna, è stato occupato da una decina di giorni da due famiglie e da un single. A quanto si apprende, oltre ai due attivisti sul tetto, nella casa sarebbero presenti altre persone. Forse anche una donna con una bambina. Le porte di accesso sono chiuse con grossi lucchetti, così come è chiuso con un grosso catenaccio il garage.
I carabinieri sono arrivati con le prime luci dell’alba e hanno intimato agli occupanti di uscire dallo stabile. Poi è partita una lunga trattativa tutt’ora in corso. “Trovate una soluzione entro le 12, poi saremo costretti a fare il nostro lavoro”, ha detto un ufficiale dell’Arma agli occupanti. Nel frattempo una dozzina di agenti in assetto anti sommossa si sono schierati di fronte alla casa. A pochi metri si stanno radunando gli attivisti bolognesi del sindacato Usb, decisi a lasciare lo stabile “solo se avremo una contropartita in cambio. Altrimenti rimaniamo qui”.

“Abbiamo scelto questa casa perché abbandonata da anni dal suo proprietario  – ha spiegato un sindacalista di Usb – Vogliamo denunciare l’insostenibile situazione di Bologna, dove in migliaia sono in attesa di avere un tetto sulla testa. Il Comune cosa fa?”. “Sono disponibile a incontrare di nuovo gli occupanti e a valutare eventuali soluzioni- ha replicato l’assessore alle politiche abitative Malagoli – ma sul caso specifico non ci posso fare nulla. La gestione della situazione è in mano alle forze dell’ordine perché la casa è di un privato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nilla Pizzi, una mostra fotografica ad un anno dalla scomparsa (gallery)

next
Articolo Successivo

“Niente premi di produzione perché siamo donne”. Operaie del gruppo Fiat in rivolta

next