Lo scrittore Guido Morselli

Quest’anno ricorre il centesimo anniversario dalla nascita di quello che è stato definito “lo scrittore più sottovalutato del Novecento”: Guido Morselli. Nato a Bologna nell’agosto del 1912, Morselli si è suicidato a Varese nel ’73 dopo l’ennesimo rifiuto editoriale, l’ultimo di una lunga serie, in una vita dedicata alla scrittura. La sua opera è rimasta quasi completamente inedita fino alla morte.

Contro-passato prossimo: un’ipotesi retrospettiva, pubblicato da Adelphi nel 1974 ripercorre la prima guerra mondiale, ma inverte vincitori e vinti, immaginando un epilogo con un’Europa democratica sotto l’egida germanica (non privo di un certo spirito profetico…).

Inoltre, come tutte le settimane vi aspettano le recensioni di libri ed eventi culturali, le pagine multimediali di Saturno 2.0 e le rubriche di Gianni Canova, Alessandro Bergonzoni, Giovanni Pacchiano, Marco Filoni e Camilla Tagliabue.

Il numero in edicola venerdì sarà l’ultimo diretto da Riccardo Chiaberge. Chi pungerà la sua ultima Vespa?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Missione Alfano: dagli anni ’80 all’Ipad

prev
Articolo Successivo

Geni in pigiama

next