Applausi, sorrisi e battimani. Ieri la visita di Mario Monti in Borsa è stata sommersa dal mare di melassa sparsa da banchieri e top manager delle grandi aziende nazionali corsi a Piazza Affari per incontrare il presidente del Consiglio. L’evento è stato preceduto e seguito dal consueto bla bla delle grandi (grandi?) occasioni. Un gran parlare di innovazione, sviluppo, competitività, con gli interlocutori del premier bene attenti a far trapelare la loro fiducia nell’azione del governo.

Belle parole. Certo il contesto stonava un po’. L’intervento di Monti è stato ospitato dalla Borsa italiana. Italiana per modo di dire, visto che da anni il listino di Milano è gestito dallo Stock Exchange di Londra. E questo sarebbe il meno. Il problema vero è che le aziende preferiscono girare al largo da Piazza Affari. Il numero delle nuove quotazioni è di molto inferiore a quello delle società che lasciano il listino.

Difficile, a questo punto, vedere nella Borsa un motore di sviluppo del’economia italiana. Per ricordare questo concetto a Monti c’è voluto l’intervento dell’ex agente di cambio Urbano Aletti. Parole amare tra tanta melassa.

Il Fatto Quotidiano, 21 Febbraio 2012

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Grecia, accordo trovato nella notte
L’Europa dà il via libera agli aiuti

next
Articolo Successivo

Roma, Londra e L’Aia: piano europeo per
la crescita in otto punti. No di Parigi e Berlino

next