La collina delle donneFoto di Sara Casna

“Il titolo del progetto è liberamente tratto dalla poesia di Daniela Degiovanni, un medico dell’Ospedale “S. Spirito” di Casale Monferrato. A 25 anni dalla chiusura dell’Eternit di Casale Monferrato e a due dall’inizio del processo contro i proprietari della multinazionale accusati di “disastro doloso e omissione di misure di soccorso”, nella cittadina casalese permane un tasso di mortalità crescente e allarmante. Le vittime colpite da infermità insidiose e mortali come mesotelioma pleurico, asbestosi e carcinoma polmonare (malattie generate esclusivamente dal contatto diretto con le polveri dell’amianto) sono stimate all’incirca dalle 40 alle 50 l’anno. Ho scelto questo titolo perché anch’io come l’autrice, ho voluto condividere e in qualche modo documentare il dolore delle donne di Casale Monferrato, vedove di ex operai o di semplici cittadini, donne che con forza e con coraggio sanno lottare contro un nemico che senza preavviso le cede ad un’ingiusta solitudine.” Sara Casna

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Plot against Benedict XVI
He will die in 12 months”

prev
Articolo Successivo

#Occupysanremo, la diretta Twitter del Fatto

next