Da tre settimane è partita l’area C, la nuova congestion charge di Milano. Il comune rileva un calo delle auto del 30%, ma i commercianti milanesi si lamentano: “Gli acquisti nei nostri negozi sono diminuiti del 60%”. Sono andati sotto Palazzo Marino per fare sentire la proprio voce attraverso un girotondo di protesta. Dal 2 febbraio i negozianti hanno costituito un comitato. Eleonora Scaramucci, presidente del gruppo “Commercianti contro area C” annuncia nuove iniziative: “Spegneremo le insegne dei negozi, copriremo le vetrine e smetteremo di pulire i marciapiedi” e dice: “La Confcommercio ci ha abbandonati”. di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Camila Vallejo, simbolo della ribellione studentesca

next
Articolo Successivo

Responsabilità civile, l’Anm incontra Monti

next