Dopo soli 23 giorni di inattività, Raphael Rossi torna ad occuparsi di rifiuti. Il sindaco di Foggia, Gianni Mongelli (Pd-Udc), ha deciso infatti di avvalersi della collaborazione dell’ex presidente del cda di Asia, l’azienda di raccolta e smaltimento rifiuti di Napoli, con l’obiettivo di “far venir fuori, Foggia – queste le parole del sindaco – una volta per tutte, dall’emergenza rifiuti”. L’ufficializzazione dell’incarico è avvenuta questa mattina alla presenza del presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, che ha definito il tecnico torinese “un amministratore capace, un cittadino che porta la bandiera della legalità e della trasparenza”. Il 37enne manager ha concluso la sua esperienza nell’Asia di Napoli il 31 dicembre, con strascichi polemici con il sindaco Luigi De Magistris. Ma per Mongelli, Rossi “ha lavorato con brillanti risultati alla soluzione di un’emergenza ben più grave” di quella di Foggia, “facendo il porta a porta nel quartiere di Scampia”. “E prima ancora, a Torino, – ha concluso il presidente della Regione – ha costruito un modello di rara efficienza per cui sono certo che abbia il cuore e la testa necessari a mettere ordine in un contesto dalle molteplici e complesse implicazioni di ordine civico e legale”.

Riguardo la sua nomina Rossi ha commentato:”Le difficoltà di Foggia le ho conosciute leggendo le cronache così come ho avuto modo di sapere che ci sono anche assett strategici di grande rilievo sotto il profilo dell’impiantistica, il che mi induce ad essere fiducioso sulle possibilità di portare a termine il compito con successo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Antigua, Berlusconi vende le sue ville. Già nel 2010 chiese aiuto a Ennio Doris

prev
Articolo Successivo

Festival di Sanremo, polemica
Rai-Celentano. Mazza: “Accordo vicinissimo”

next