Da Magenta a Milano: i lavoratori dell’azienda tessile Novaceta sono andati sotto la sede di Unicredit in piazzale Cordusio. Dal 2008 sono in cassa integrazione e da allora chiedono all’istituto bancario, proprietario dei terreni, di trovare dei nuovi imprenditori. Unicredit sostiene che “l’unico interlocutore per le problematiche dei lavoratori è la Curatela fallimentare. Svanita ogni traccia di proposte imprenditoriali, rivelatesi poco credibili, la Curatela ha consegnato l’area, compresi gli impianti industriali, alla proprietà (UniCredit Leasing) che sta ora procedendo a una costosa opera di messa in sicurezza, bonifica e smantellamento degli impianti”. Ma i lavoratori non si arrendono e staranno in presidio per tre giorni. di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le reazioni alle annunciate liberalizzazioni

next
Articolo Successivo

Cinesi preoccupati a Milano: “Criminalità crescente”

next