Ieri sera Santoro, da Fabio Fazio, ha parlato di loro. Stasera il Tg3 farà un servizio e noi de Il Fatto Quotidiano proseguiamo a pubblicare il diario. Funziona così: io li chiamo al telefono, mi raccontano la giornata e insieme decidiamo cosa mettere nel testo. Loro, Carmine, Oliviero e Giuseppe, i licenziati dal servizio treni notte si stanno attrezzando per riuscire ad avere una connessione più veloce perché vogliono interagire con chi li legge e li commenta. Buona domenica a tutti.
Elisabetta

Diario
31 esimo giorno. Oggi la giornata è stata intensa. Sono venuti a trovarci gli amici dell’Anpi, l’associazione partigiana. Poi è tornata la psicologa che ci sta seguendo. Abbiamo chiacchierato un po’ con lei. Il nostro umore non è per niente buono, sappiamo che sulla nostra vicenda stanno programmando una serie di incontri a livello regionale. Per noi la trattativa invece è sempre a livello nazionale ma ci risulta che non esista nessun tavolo istituzionale. Noi vogliamo che i treni notte tornino a funzionare come prima perché si tratta di un servizio universale utile al Paese, quindi un servizio pubblico. Ieri abbiamo sentito l’intervento del presidente Giorgio Napolitano. Ha parlato di coesione e unità d’Italia. Il nostro lavoro, prima di essere licenziati, era davvero un modo per tenere unito il Paese, vorremmo che qualcuno non se lo dimenticasse. Abbiamo risistemato lo striscione che si era strappato, i treni continuano a salutarci con il loro fischio. Ma noi siamo molto incazzati.

Carmine, Oliviero e Giuseppe

Il Fatto Quotidiano, 8 gennaio 2012

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disoccupazione, Europa a due velocità
anche nel mondo del lavoro

next
Articolo Successivo

Lavoro femminile, Italia peggio della Grecia
‘Siamo un paese tradizionalista e ingessato’

next