Tra gli oltre mille feriti degli scontri di piazza Tahrir, alcuni hanno subito gravi lesioni agli occhi. La particolarità di queste ferite è che sono causate da proiettili di gomma. Si tratta di colpi singoli e non di cartucce a pallettoni. Questo implica la volontà precisa di sparare agli occhi dei manifestanti e anche un elevato addestramento. Attraverso vari video i manifestanti sono riusciti a dare un volto e un nome all’ufficiale di polizia che è stato rinominato il “Cacciatore di occhi”. Su Mohammed el-Shinawi, così si chiama il cecchino, la piazza aveva messo una taglia di 800 dollari. Da qualche giorno si rincorrevano le voci della sua fuga dal Paese, ma ieri le Auorità competenti hanno assicurato che l’agente verrà interrogato sui fatti e chiamato a risponderne di Cosimo Caridi

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pensioni, Bersani: “D’accordo solo su alcuni punti”

next
Articolo Successivo

Agnoletto: “Per la lotta all’Aids uscire dal conflitto d’interessi”

next