È morto lunedì sera a Sellia Marina (Catanzaro), il più grande documentarista italiano, Vittorio De Seta. Scomparso esattamente un anno dopo Mario Monicelli, aveva 88 anni e una filmografia efficacemente aperta alla finzione: da Banditi a Orgosolo del ’ 61, autoprodotto con troupe risicata, alle Lettere dal Sahara di un migrante africano (2006). Fu però nel ’73 una mini-serie tv per la Rai, Diario di un maestro, che metteva il dito nelle piaghe dell’istruzione in una borgata romana, a consacrare il regista, nato il 15 ottobre 1923 a Palermo da famiglia aristocratica.

De Seta non abbandonò mai il Sud, ma il suo fu un amore critico: colpe e miserie non erano destinate a finire in fuoricampo, fosse la vita amara del proletariato e dei pescatori siculi o il lavoro spietato dei minatori di zolfo nisseni e dei pastori della Barbagia. Tutti ritratti con umanissimo realismo e ferocia per la verità in lavori indelebili, quali Isola di fuoco, ambientato nelle Eolie e miglior documentario a Cannes 1955, I dimenticati (’ 59) e In Calabria (1993), dedicato alla terra della madre.

Dopo Banditi a Orgosolo, premio Opera prima a Venezia, nel ‘ 66 realizzò Un uomo a metà, quindi L’invitata, girato in Francia con Michel Piccoli e lodato da Moravia e Pasolini. Valorose incursioni nella finzione, ma ai documentari (per la tv) De Seta sarebbe tornato negli anni ’ 80, guadagnandosi tributi (Moma, Tribeca), retrospettive (Museo del Cinema di Torino) e il doc Detour de Seta di Salvo Cuccia.

A ricordarlo mercoledì è stato anche il festival di Torino diretto da Gianni Amelio, con la proiezione speciale di Diario di un maestro, all’epoca fautore di dibattito sul nostro sistema scolastico. Non è un omaggio di circostanza: dai Bechis (Il sorriso del capo) ai Segre (Sic Fiat Italia) in cartellone al 29° Tff, il documentario tricolore deve tantissimo a Vittorio De Seta. Anche Rai Storia l’ha omaggiato mandando in onda i quattro episodi de La Sicilia rivisitata.

Il Fatto Quotidiano, 30 novembre 2011

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Videogames, Uncharted 3: grandi effetti speciali, ma la storia non regge

next
Articolo Successivo

Tagli al welfare, la protesta degli assistenti sociali: “Non garantiti i servizi minimi”

next