Michele Santoro nello studio di Servizio Pubblico

Stasera alle 21, quarta puntata di Servizio Pubblico, la trasmissione di Michele Santoro che come di consueto andrà in onda su una piattaforma di televisioni locali, sui canali 100, 500 e 504 di Sky e sui siti dei maggiori quotidiani nazionali (diretta streaming sul fattoquotidiano.it dalle 21). Dopo “Licenziare la casta”, “Un altro governo” e “La democrazia”,  sarà la volta di “Punire i corrotti”. In primo piano il mondo del lavoro, i nuovi conflitti che lo attraversano e, soprattutto, le questioni Finmeccanica ed Enav, con gli scandali di questi giorni a dimostrare la commistione continua tra affari e politica.

Ospiti del programma, il segretario generale della Fiom Maurizio Landini, l’imprenditore nonché parlamentare dell’Api (ed ex Pdl) Santo Versace, il giuslavorista e professore dell’Università di Modena Michele Tiraboschi, i giornalisti Massimo Mucchetti (Corriere della Sera), Gianni Dragoni (Il Sole 24 Ore) e Marco Lillo (Il Fatto Quotidiano). In studio, inoltre, anche Pier Paolo Calcagno (operaio dell’Alenia di Torino), Diego Breschi (operaio dell’Ansaldo-Breda di Pistoia), Marina Angius (la ‘donna anti-radar’) e Marisa Garofalo (sorella di Lea Garofalo, testimone di giustizia sciolta nell’acido). Non mancheranno, ovviamente, gli interventi di Vauro, di Marco Travaglio e lo spazio Facebook di Giulia Innocenzi, che oggi ospiterà Giulia Crivellini di “Vaticano pagaci tu la manovra!”.

GUARDA LA DIRETTA STREAMING

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La7, ‘The show must go off’ il programma della Dandini “Come l’orchestrina sul Titanic”

next
Articolo Successivo

Internet: vietato filtrare

next