Per questioni scaramantiche i napoletani hanno voluto rinviare di un’ora l’appuntamento nazionale con l’Occupy Wall Street ma non hanno rinunciato a far sentire anche la loro voce. Studenti, precari e cittadini sono, quindi, scesi in piazza nel cuore della “bank street” partenopea, tra Via Ponte di Tappia e Via Roma con striscioni e cartelli, “stanchi di pagare il conto delle politiche di austerità della Bce”. Molte le scritte ironiche contro il governo tecnico di Monti, da ‘Full Monti’ a ‘Smontiamoli’. Il corteo si è fermato prima davanti alla sede principale della Banca Nazionale del Lavoro per poi proseguire verso la sede centrale del Banco di Napoli e terminare il corteo presso la Banca d’Italia. Tutte sono state vittime di affissioni di manifesti contro le banche e le politiche della Bce sulle vetrine e di lancio di uova. La manifestazione è poi proseguita la sera con una parata che dal centro storico si è snodata fino in piazza del Plebiscito. di Katiuscia Laneri

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Indignati a Torino

next
Articolo Successivo

Castelli insultato a Montecitorio

next