Il senatore Filippo Berselli, coordinatore regionale del Pdl, continua la sua crociata personale contro la giustizia parmigiana, colpevole, a suo dire, di aprire inchieste solo sui politici vicini al centrodestra. La prima volta, Berselli ha chiesto che venisse effettuata un’ispezione dagli uomini del ministero della giustizia in Procura di Parma, dato che il procuratore capo Gerardo Laguardia se la prendeva solo con gli esponenti del Pdl con le inchieste Easy Money e Green Money, che hanno portato all’arresto di 15 persone in 3 mesi per corruzione e concussione.

La seconda volta, sempre attraverso un’interrogazione parlamentare, ha chiesto di nuovo l’invio di ispettori, in quanto non riteneva trasparente la questione parmigiana. Ora, attraverso la terza interrogazione presentata al ministro di grazia e giustizia, Francesco Nitto Palma, Berselli afferma addirittura che il ruolo di Laguardia sarebbe incompatibile per legge, dato che nel foro di Parma sua figlia esercita la professione di avvocato, secondo il senatore addirittura in modo mascherato, dato che è iscritta all’ordine degli avvocati di Piacenza.

La sede parmigiana per Laguardia sarebbe quindi incompatibile per conflitto di interesse. Una circostanza che violerebbe l’articolo 18 dell’ordinamento giudiziario, che dispone l’incompatibilità dei magistrati che hanno rapporti di parentela o affinità con chi esercita la professione forense. Berselli, presidente della commissione giustizia al Senato, nella sua interrogazione spiega: “L’articolo prevede che i magistrati giudicanti e requirenti delle Corti di appello e dei tribunali non possano appartenere a uffici giudiziari nelle sedi nelle quali i loro parenti fino al secondo grado, gli affini in primo grado, il coniuge o il convivente, esercitano la professione di avvocato”.

Secondo alcune notizie lette sui giornali, però, nel foro di Parma eserciterebbe la propria professione la figlia del procuratore della Repubblica, l’avvocato Maria Anna Laguardia: “La figlia del Procuratore però per aggirare l’ostacolo dell’art. 18 dell’ordinamento giudiziario si è iscritta all’Ordine degli avvocati di Piacenza con studio in via Vigoleno n. 2, indirizzo però dove non figura apposta la targa professionale. Un’iscrizione evidentemente di comodo, visto che il predetto avvocato esercita effettivamente la sua attività in Parma con studio, adeguatamente pubblicizzato con tanto di targa di ottone all’esterno, in borgo Salmitrara n. 8. Chiedo quindi al ministro Nitto Palma se non ritenga indispensabile e urgente, come peraltro richiesto nelle precedenti interrogazioni, disporre un’indagine ispettiva all’esito della quale promuovere un procedimento disciplinare presso il Consiglio Superiore della Magistratura affinché venga accertata l’incompatibilità di sede per il Procuratore della Repubblica di Parma Gerardo Laguardia”.

Laguardia, da sempre uomo molto discreto che misura ogni parola rilasciata ai media, questa volta ha voluto replicare direttamente al senatore Berselli: “Mia figlia esercita la professione di avvocato esclusivamente nel ramo civile dal 2006 a Piacenza, dove è iscritta, e anche a Parma. Di tale circostanza ho dato comunicazione al Csm ex articolo 18 dell’Ordinamento giudiziario. Con deliberazione del 10 marzo 2008 il Csm ha archiviato la pratica non avendo rilevato alcuna situazione di incompatibilità. Ulteriore comunicazione ho dato al Cdm in data 3 marzo 2011 avendo mia figlia stabilito un proprio recapito a Parma. Il senatore Berselli cita in modo strumentale solo parzialmente l’art. 18 dell’ordinamento giudiziario omettendo le parole ‘salvo valutazione caso per caso per i tribunali ordinari organizzati con una pluralità di sezioni per ciascun settore di attività civile e penale’. La circolare 25 maggio 2007 del Csm precisa inoltre che in relazione ai magistrati preposti agli uffici requirenti, attesa la materia penalistica trattata, l’incompatibilità può essere esclusa nel caso in cui il parente svolga esclusiva attività nel settore civile o del lavoro”.

Insomma, la parola “strumentale” starebbe forse meglio agli attacchi subiti dal procuratore Laguardia in questi giorni caldi. Proprio per questo motivo stanno fioccando le lettere e le dimostrazioni di solidarietà da parte dei movimenti civici e dei sindacati cittadini, che si vogliono tenere lontani dal gioco di intimidazioni che il centrodestra sta costruendo in città.

(c.z.)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La filosofa Marzano: “Basta ragazze immagine: il corpo delle donne non è merce”

prev
Articolo Successivo

Scalata Bnl, Consorte condannato a 3 anni e 10 mesi

next