Ci sono quattro indagati per i tafferugli di mercoledì scorso durante la manifestazione degli indignati davanti sede della Banca d’Italia di Bologna e per la successiva irruzione nella sede dell’Unep della Corte d’appello. Tra gli indagati anche Gianmarco De Pieri, leader storico del centro sociale Tpo.

L’iscrizione dei nomi nel registro degli indagati è arrivata dopo che è giunto in procura il primo rapporto della Digos, a cui dovrebbero seguirne altri quando saranno visionati altri filmati degli incidenti. Per De Pieri l’accusa è di istigazione a delinquere finalizzata all’invasione di edificio pubblico. Gli altri reati ipotizzati a seconda dei casi sono resistenza, lesioni e manifestazione non autorizzata. Per due dei quattro indagati ci sono anche le accuse di danneggiamento e rapina per l’irruzione all’Unep. L’accusa di rapina scaturisce dal fatto che a un dipendente sono stati strappati di mano documenti e fascicoli. Per ora non è ancora giunta in procura la denuncia preannunciata dalla manifestante che era rimasta ferita negli scontri.

“La procura procederà – ha detto il procuratore aggiunto Valter Giovannini, portavoce della procura – con serenità, celerità e determinazione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Di Vaio interrogato in Procura sui pass Ztl: “Nessuna truffa, ero in buona fede”

next
Articolo Successivo

Il curatore dei Meridiani su Terzani: “Fenomeno letterario da best seller diventato fatto sociale”

next