Scuole in rivolta. Obiettivo: il diktat del ministro Maia Stella Gelmini di eliminare 1130 istituzioni scolastiche entro il 31 dicembre prossimo per fare cassa. Si tratta della cosiddetta operazione “dimensionamento”, ossia l’obbligo di portare ogni scuola a non meno di 1000 iscritti.

Una operazione “finalizzata al contenimento della spesa e alla stabilizzazione della finanza pubblica” che consentirebbe in pratica un risparmio per il bilancio dello Stato di 172 milioni di euro. Ma con quali conseguenze? Lo spiega il sindacalista Pippo Frisone: “Con la chiusura e l’accorpamento di 1.130 scuole, la soppressione di altrettanti posti di dirigente scolastico e direttori amministrativi, e la cancellazione di 1.765 posti di collaboratori scolastici”.

Insomma, nonostante le promesse altri pesanti tagli, e questa volta non solo dal punto di vista quantitativo, ma soprattutto dal punto di vista qualitativo. Già ora, infatti ci sono migliaia di scuole senza preside affidate “in reggenza” ai presidi superstiti costretti così a dividere il proprio impegno su almeno due scuole. Con il dimensionamento previsto dal Miur le scuole assumerebbero spesso dimensioni impossibili. Un caso clamoroso a Milano: si arriverebbe a una scuola dell’obbligo di 1800 allievi.

Questa operazione era stata già contestata la scorsa estate da cinque regioni che avevano proposto un ricorso alla Corte costituzionale ottenendo un responso positivo: il Miur in questa materia deve lasciare la competenza di intervento agli enti locali. Dinanzi a questa sentenza la Gelmini non si rassegna inviando una circolare ai dirigenti scolastici regionali invitandoli a prescrivere agli enti locali delle scadenze tassative: i piani redatti dai comuni subito alle amministrazioni provinciali che a loro volta dovrebbero trasmetterli alle regioni entro il 17 ottobre, in modo da avere le delibere finali entro il 10 novembre. Scadenze che la Lombardia sperava di rispettare, ma che ora sono di fatto bloccate perché le scuole hanno attuato una rivolta quasi generalizzata. I consigli di istituto hanno infatti votato delle delibere in cui respingevano il dimensionamento.

Conseguenza: il comune di Milano per primo ha bloccato il suo piano. Spiega ancora il sindacalista Pippo frisone: “La legge prevede che spariscano definitivamente le autonomie dei circoli didattici e delle scuole medie, sostituendoli con gli istituti comprensivi. L’Istituto Comprensivo (infanzia, primaria e media) diventa così la regola, si modificano i parametri e s’innalza il numero minimo degli alunni da 500 a 1000. In Lombardia la legge interesserà 187 Circoli didattici e 89 scuole Medie (30 per cento). Nel Comune di Milano le scuole coinvolte sono un’ottantina con 34 autonomie oggetto di dimensionamento,38,6 per cento del totale, con 25mila studenti, 2mila docenti e circa 500 Ata”. Ora si chiede che contrariamente al diktat della Gelmini il dimensionamento venga almeno rinviato di un anno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Maestro perché si pagano le tasse?”

prev
Articolo Successivo

Ci mancava la scuola con due presidi

next