In migliaia oggi si sono ritrovati una delle piazze principali di Tel Aviv, per continuare le proteste iniziate il 14 luglio con l’occupazione di Bouleverd Rotschild. A luglio e agosto centinaia di migliaia di persone sono scese in piazza emulando gli indignados di Madrid. Il governo il 31ottobre, al ritorno dalle vacanze estive , troverà il parlamento assediato da quella che si annuncia una delle più grandi manifestazioni israeliane di sempre. Il movimento delle tende oggi parla della situazione economica nazionale, ma anche del rilascio del caporale Gilad Shalit, rimasto per 6 anni nelle mani di Hamas: “Non lo puoi leggere sui giornali, -spiega un manifestante- ma tutti ne parlano. Lo hanno fatto per farci stare zitti”. di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma 15 ottobre 2011, il videoracconto delle violenze

next
Articolo Successivo

Occupy Wall Street, la protesta raggiunge Times Square

next