Poeti e viaggiatori sulla tomba del poeta Izet Sarajlic, al Cimitero del Leone di SarajevoFinita la stagione del turismo vacanziero è tempo di registrare un solido esodo di fine settimana con un’etichetta sorprendente e consolante: “culturale”. E l’aggettivo non sembri stonato. È quello più appropriato per indicare un piccolo ma consistente nucleo targato Italia che aggira non pochi ostacoli e si muove a tenaglia – a nord da Trieste e a sud da Salerno – alla volta di una meta sospirata: il X Festival internazionale della poesia di Sarajevo intitolato a Izet Sarajlić. Non ci sono, questo è naturale, i numeri del cinema, con star e acclamanti red carpet; non ci sono quelli delle rockstar di turno, ma altre e indimenticabili voci richiamano come sirene nella capitale bosniaca un sempre crescente numero di persone. Nella terra dei torpedoni per Medijugorje, ne sono arrivati quest’anno tre o quattro per l’edizione 2011 del Festival.

La magia di questo fenomeno si è concretizzata nella prima serata, quando si sono via via alternati sul palco numi locali come Marko Veśović e gli idiomi anglofoni così distanti eppure così vicini di Tony Harrison, pacato cantore dell’uomo perduto. Accanto a loro, gli accenti più scoppiettanti di Devorah Major e Agneta Falk, forti e dolci sirene della poesia pronte a combattere a suon di versi le battaglie della pace e dell’autodeterminazione. E se Carmen Yanez lascia un pubblico attonito con struggenti versi d’amore per la sua terra, il Cile, nel tormentato ricordo dei desaparecidos e della dittatura, la prima serata si conclude al suono fermo ma ironico della voce di Josip Osti, sloveno d’adozione ma ancora fermamente convinto come il suo maestro Sarajlić che “anche i versi sono contenti quando la gente si incontra”.

Molti gli amici che, per diversi motivi, non hanno potuto partecipare direttamente al festival. Tra loro il nostro caro Erri De Luca in questo videomessaggio.


Nella foto, poeti e viaggiatori sulla tomba del poeta Izet Sarajlic, al Cimitero del Leone di Sarajevo. Per ingrandire clicca qui

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Addio a Sergio Bonelli, re del fumetto
che ha fatto sognare tre generazioni

next
Articolo Successivo

Giuda ballerino,
è scomparso Bonelli

next