Vola lo spread fra Btp e Bund, dopo il taglio del rating dell’Italia da parte di Standard & Poor’s. Il differenziale, dopo aver toccato i 398 punti, si assesta a quota 392, mentre quello tra i bonos spagnoli e gli equivalenti tedeschi è invece a 356 punti. Come da pronostico piazza Affari ha aperto in ribasso. A Milano il Ftse Mib è partito con un -1,29%, ma nel pomeriggio limita le perdite e sale a 1,91% a 14.356 punti. L’All Share ha fatto segnare un +1,68%. La migliore performance del paniere principale è di Fiat che chiude sui massimi a 4,30 euro (+7,16%). Il balzo in avanti dell’auto spinge anche il titolo Industrial, debole nella prima parte di seduta, che segna un +2,41% sul finale (Exor +2,96%). Tra i bancari, l’unico segno meno è di Bpm (-1,89%): Ubi (+2,80%), Mediobanca (+2,34%), Banco popolare (+1,91%), Intesa sp (+1,73%), Mps (+0,68%), Unicredit (+0,49%), e Bper (+0,06%). Molto bene Generali (+3,51%), mentre chiude sulla parità Fonsai (-0,07%).

Anche per le principali borse europee, aprono in rosso e poi tentano di recuperare: Francoforte registra un progresso del 2,88%. Parigi (+1,5%), Londra (+1,98%), Amsterdam (+0,58%) e Lisbona (+0,98%). Madrid guadagna lo 0,13%. Il presidente della Banca Centrale Europea Jean Claude Trichet ha invitato oggi la Spagna a “nuove riforme strutturali” che le consentano di “raggiungere una crescita potenziale più alta possibile e di migliorare la sua produttività, ristabilendo cosi la fiducia degli investitori”. Sostanzialmente stabile Zurigo (+0,93%) dopo la decisione della Segreteria di Stato dell’economia (Seco) di rivedere al ribasso le sue previsioni di crescita per la Svizzera per il 2011 e il 2012. Atene ha aperto in rialzo, registrando un +0,67%, con l’indice Generale a 856,94 punti. Quella di oggi sarà una giornata particolarmente critica per la borsa ellenica: gli investitori sono in attesa dei risultati delle trattative fra il governo e i rappresentanti della troika.

Secondo il Fondo Monetario Internazionale le pressioni sullo spread di Italia e Spagna non possono essere attribuite al deficit e al debito “ma riflettono i crescenti timori degli investitori sul legame fra i rischi sui debiti sovrani e quelli finanziari, e sulle prospettive che la politica di Eurolandia di arrivare a una cornice normativa per la risoluzione che sia convincente e duratura”.

Le borse asiatiche, frenate oggi dal calo dell’euro verso il dollaro e lo yen a seguito del taglio del rating all’Italia, non si riprendono dallo scivolone della vigilia, tanto che Tokyo cede l’1,6%. In controtendenza Shanghai (+0,41%) e Tokyo (+0,51%). Apertura positiva anche per Wall Street: l’indice Dow Jones registra un progresso dello 0,36% a 1.442 punti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parlare di economia
a tutti

next
Articolo Successivo

Beers e Chambers ultimi “hippy della finanza”
Ecco chi ha declassato il rating dell’Italia

next