“Per me i comportamenti del Presidente sono stati eccessivi”: lo ha detto oggi ai microfoni del programma di Radio2 ‘Un Giorno da Pecora’ Maurizio Paniz, deputato Pdl, riferendosi al contenuto delle telefonate emerso dalle intercettazioni tra il Presidente del Consiglio e Gianpaolo Tarantini. Difende ad oltranza la posizione di Berlusconi sul caso Ruby appellandosi alle carte processuali, ma, incalzato dalle domande dei conduttori Lauro e Sabelli Fioretti, all’inizio tenta di svicolare: “Nel caso Tarantini non ho visto le carte processuali, quindi non posso pronunciarmi sulle motivazioni. Certamente, secondo me, parlare di estorsione senza che ci sia un estorto mi pare difficile”. Ma poi il deputato è costretto a cedere all’evidenza: “Non sono d’accordo nè con Minzolini, nè con Ferrara. Ritengo che Berlusconi non si debba scusare con nessuno per non essere andato a rispondere ai pm di Napoli. Sicuramente ci sono dei cittadini italiani che pensano che forse i comportamenti del presidente siano stati eccessivi. E anche per me sono stati eccessivi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Minetti è meglio nuda? “Se non vedo non credo”

prev
Articolo Successivo

Vespa: “Santoro non rispettava le regole e non è stato cacciato”

next