Il primo dei dibattiti in programma alla festa della Versiliana è dedicato ai conflitti e a come i giornalisti raccontano le guerre. “Nell’immaginario collettivo non esistono più – dice Stefano Citati, responsabile delle pagine di esteri del Fatto – perché ora le chiamano missioni di pace”. Peccato che la realtà è ben diversa. Come dice Vauro, “chi vuole raccontare veramente quello che succede nelle aree in cui si combatte entra nel club dei seminatori d’odio”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ici e Chiesa, il video dei Radicali che incastra la gerarchia

next
Articolo Successivo

Padellaro: “Filo nero che unisce la censura nei giornali”

next