Domenica 3 luglio, in Val di Susa, si sono verificate proteste che sono da considerare “una forma di terrorismo”, e di “spontaneismo armato”, con “1500 ragazzi armati che volevano uccidere i poliziotti e questo è inaccettabile”. Lo ha detto, inaugurando la questura di Treviso, il ministro dell’Interno, Roberto Maroni.

“Si tratta proprio di spontaneismo armato perché lì in Val di Susa hanno usato armi che possono uccidere”, ha aggiunto Maroni. “Per cui lì domenica si sono visti 6.000 persone pacifiche ma 1.500 ragazzi armati che volevano uccidere i poliziotti, gli uomini delle forze dell’ordine. Per questo è uno spontaneismo armato che mi preoccupa molto, forse molto diverso da quello degli anni ’70, ma che vale la pena di analizzare attentamente perché si tratta di forma nuove e aggiornate di quanto successe negli anni ’70: insomma è una nuova forma di terrorismo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi: “Stampa ignora mie smentite”

next
Articolo Successivo

Gli incontri del Fatto quotidiano a Roma. La playlist con tutti i video delle tre serate

next