Il popolo padano che si è riunito oggi a Pontida per il raduno annuale della Lega Nord ha le idee confuse. Per molti non c’è alternativa all’alleato Berlusconi, anche se dai più il premier è mal tollerato. Un enorme striscione a fondo prato dice ‘Maroni presidente del Consiglio’, ma più del desiderio di cariche istituzionali torna forte la solita parola d’ordine: “Secessione”, la cura a tutti i mali. Tra bandiere e chincaglieria varia, sotto i gazebo si raccolgono le firme per portare quattro ministeri al nord. E se Berlusconi non è d’accordo? Secca la risposta: “Può andarsene a… ”   di Franz Baraggino e Alessandro Madron

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

I leghisti cantano: “Silvio hai rotto i coglioni”. E Salvini se la ride

next
Articolo Successivo

Pontida, Bossi: “Premiership di Berlusconi non scontata”

next