“Cara Equitalia non ti paghiamo”. Lo slogan è urlato da circa 200 precari riunti sotto la sigla “Sciopero precario” che stamattina a Roma nel quartiere Colli Aniene hanno protestato con il lancio di uova, ortaggi, vernice e grossi petardi davanti la sede di Gerit Equitalia (la società che si occupa di recuperare i crediti per gli enti locali) di viale Palmiro Togliatti protetta da celerini in assetto antisommossa. Gli attivisti a capo del corteo hanno motivato così la contestazione: “In Italia le banche e le grandi aziende vengono salvate con procedure straordinarie. Un precario, invece, per un rata non pagata può vedersi pignorata la casa. Dobbiamo indignarci“. Al corteo erano presenti anche studenti, rappresentanti dei centri sociali e lavoratori cassaintegrati.
Servizio di Francesca Nava, montaggio Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, Forza del Sud con Lettieri per “contrastare la Lega”

next
Articolo Successivo

La Moratti chiude col flop

next