“Pisapia prima mi ha detto che mi amava, poi si fa beccare a letto con la mia migliore amica”, “Pisapia ha allenato l’Italia agli ultimi mondiali”. E ancora: “Se ascolti i discorsi di Pisapia al contrario sentirai versi satanici”,  “Pisapia è la figlia di Mubarak”.

Sulla pagina Facebook di Red Ronnie da quasi 48 ore continuano a fioccare centinaia di accuse surreali e ironiche nei confronti Giuliano Pisapia al ritmo di una ogni pochi secondi.

A scatenare quello che ormai è diventato un vero e proprio fenomeno virale è stata una dichiarazione del conduttore tv secondo cui l’”effetto Pisapia” sarebbe responsabile della cancellazione del LiveMi, il concerto organizzato dallo stesso Red Ronnie.

Mercoledì mattina sulla sua pagina scriveva queste parole: “Primo esempio del vento che sta cambiando a Milano: cancellato LiveMi di sabato 21 maggio, in Galleria del Corso. Era l’inizio di LiveMi 2011 (che se vincerà Pisapia sarà cancellato dai progetti del Comune). Dava spazio a gruppi e artisti emergenti che potevano esibirsi con brani propri. In compenso Pisapia sta pensando a un megaconcerto con Jovanotti, Ligabue e Irene Grandi. Per dare voce a chi non ce l’ha”

Da quel momento il popolo di Facebook non gli dà più tregua facendo a gara a chi inventa l’accusa più improbabile e esilarante nei confronti del candidato sindaco del centrosinistra. Le adesioni sono cresciute fino a che è stato creata una pagina ad hoc “E’ tutta colpa di Pisapia” che in poche ore ha raccolto 10.286 like. “Pisapia si sta talmente antipatico che voterà Letizia Moratti”, scrive Tristano; “con Pisapia la nebbia di Milano arriverà fino a Palermo .. persino a ferragosto”, ribatte Valerio; “è stato Pisapia a pagare la casa a Scaiola a sua insaputa”, scrive Gianluca. Lo scopo? Ridicolizzare attraverso il ricorso all’assurdo le accuse che da più parti arrivano sul candidato sindaco di centrosinistra.

Intanto Red Ronnie per tutta risposta sta pubblicando sempre sulla sua pagina una serie di video che ritraggono lui e Letizia Moratti impegnati in iniziative per promuovere la musica dal vivo in Italia e a Milano.

Il Dj oltre a essere un amico personale di Letizia Moratti dal 2008 è consulente per l’immagine video del sindaco di Milano e ne sta seguendo anche la campagna elettorale. Per il suo incarico negli ultimi due anni ha ricevuto dal Comune 105mila euro.

Oltre al LiveMi Red Ronnie negli ultimi anni si è occupato di altre iniziative culturali e musicali per il comune di Milano. Finché su di lui non si è abbattuto l'”effetto Pisapia”.

Intanto su Facebook l’avvocato milanese sulla pagina “Giuliano Pisapia sindaco X Milano” continua a macinare migliaia di “like” ora dopo ora: se alle 21 di ieri c’erano 39.339 sostenitori, oggi alle 13 la pagina registra 41.635 consensi. Anche la pagina “Torno a Milano a votare Pisapia”, dopo il risultato di domenica a e lunedì scorsi, ha aumentato i suoi like fino a 1120. Entusiasti i tre organizzatori, Luigi Cornaglia, Alessandro Valera ed Emanuele Campiglio: “Siamo riusciti a coinvolgere giovani da ogni parte del globo interessati a contribuire alla “primavera italiana”.

E se Pisapia riesce a usare con sapienza il web, non si può dire la stessa cosa di Letizia Moratti. La sua pagina Facebook “Letizia Moratti” contava ieri alle 18 solo 2121 like, diventati oggi 2934. Peggio ancora la pagina “Vota Letizia Moratti Sindaco” che ha 79 like. Un poco meglio (217) “Milano 2011 per Letizia Moratti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Don Seppia, Avvenire contro Repubblica
“Sulla storia del prete macchina del fango”

prev
Articolo Successivo

Sgarbi annuncia: “Voglio far chiudere il Fatto”

next