Vietato parlare dei referendum del 12 e 13 giugno per gli artisti e cantanti che si sono esibiti a piazza San Giovanni a Roma per il concerto del Primo maggio. Ascanio Celestini ai microfoni de ilfattoquotidiano.i dichiara: “Ho firmato una liberatoria. Non posso salire sul palco e dire ‘ricordatevi che ci sono i Referendum…’ se lo avessi saputo non sarei venuto qui“. Finaz di Banda Bardò rintuzza: “Me lo ha fatto notare proprio Celestini, nella nostra semplicità d’animo ci hanno firmare una liberatoria allucinante. Ma che male c’è a parlare di Referendum?!” (continua…).
Servizio di Luigina D’Emilio e Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Bin Laden, le reazioni alla moschea di Viale Jenner

next
Articolo Successivo

Libia, la maggioranza trova l’accordo

next