Gli incredibili interventi del professor Roberto De Mattei, vicepresidente del Cnr (nomina Moratti, conferma Gelmini) nella trasmissione “Radici cristiane” su Radio Maria.

Il lungo elenco dei castighi divini secondo il Legionario di Cristo, il vero castigo di Dio, dopo la Gelmini, per la Scienza italiana: dal terremoto e dallo tsunami di Fukushima al crollo dell’Impero romano, dal terremoto di Messina alla distruzione di Varsavia nella guerra mondiale.

De Mattei, un castigo di Dio

Il professor Roberto De Mattei,
che grazie alla Moratti santamente
scalò del Cnr gli apogei
diventandone vicepresidente,

è della Scienza un fiero traditore.
Commentatore di Radio Maria
spesso sostiene, in nome del Signore,
delle tesi che son vera follia.

A Fukushima è giunto il terremoto
per punire i peccati giapponesi
mentre Roma, a parere del devoto,
fu distrutta dai barbari che scesi

dal Nord hanno punito l’amor gay
che a quei tempi a Cartagine imperava.
Gli abitanti a Varsavia furon rei
del peccato d’aborto e, come clava,

la punizion divina scese al volo:
alla santa Faustina Dio annunciò
la decisione di raderla al suolo,
ciò che poi con la guerra capitò.

Predisse Padre Annibale a Messina,
per il crollo moral della città,
di un sisma la drammatica rovina
che centomila morti causerà.

A De Mattei di Cristo Legionario
chiediam qual siano stati i gravi scempi
che han causato a un paese straordinario
La punizion peggior di tutti i tempi:

un governo con Bossi e Berlusconi.
Interpellato Dio, disse così:
Le vostre colpe gravi? Son Veltroni,
D’Alema e i tanti zombi del Pd!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ci vorrebbe un partito

prev
Articolo Successivo

Il Cavour della Brianza

next