Il poeta americano Jack HirschmanNel mese di aprile, e fino ai primi di maggio, sarà in tour in Italia uno dei personaggi di culto della controcultura statunitense: Jack Hirschman. Abbiamo avuto la fortuna di incontrare Jack circa vent’anni fa e di condividere progetti, sogni, entusiasmi, sconfitte, trasformazioni del mondo, l’idea stessa di una “casa per la poesia”, luogo di rifugio ma anche di costruzione del futuro. Dopo il crollo dei muri e delle ideologie, la globalizzazione, l’omologazione, Hirschman continua a gridare con forza il suo sdegno e la sua rabbia per le persistenti ingiustizie del mondo, continuando ad avere fiducia negli uomini e soprattutto nella forza trasformatrice nella poesia. Chi vuole può leggere la ricca biografia di questo protagonista della poesia di rivolta e di opposizione.

Ai lettori di questo blog una poesia: La felicità.

C’è una felicità, una gioia
nell’anima che è stata
sepolta viva in ciascuno di noi
e dimenticata.

Non si tratta di uno scherzo da bar
né di tenero, intimo umorismo
né di amicizia affettuosa
né un grande, brillante gioco di parole.

Sono i superstiti sopravvissuti
a ciò che accadde quando la felicità
fu sepolta viva, quando essa
non guardò più

dagli occhi di oggi, e non si
manifesta neanche quando
uno di noi muore – semplicemente ci allontaniamo
da tutto, soli

con quello che resta di noi,
continuando ad essere esseri umani
senza essere umani,
senza quella felicità.

Per chi volesse, è possibile leggerla in originale e soprattutto ascoltare la lettura di Hirschman. Al pianoforte Gaspare Di Lieto.

Traduzione di Raffaella Marzano
Foto di Andrea Pecchioli, archivio Casa della poesia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Napoli di Erri De Luca e dei Letti Sfatti

next
Articolo Successivo

Contro il potere dei pochi, per il potere di tutti, al via la Biennale della democrazia

next