“Costituirsi parte civile avrebbe significato l’ammissione della prostituzione, cosa che Ruby ha sempre negato”. E’ Paola Boccardo, l’avvocato della diciottenne Karima El Mahroug, in Tribunale a Milano per la prima udienza del processo che vede coinvolto anche il premier Silvio Berlusconi, a spiegare la scelta difensiva della sua assistita. “Potrò comunque assisterla in aula, e credo e mi auguro di non avere alcuna difficoltà nel tutelare la mia cliente – ha detto l’avvocato al termine dell’udienza. Della diciottenne marocchina racconta anche lo stato d’animo. “Ruby è molto scossa – spiega – tutto il mondo parla di lei e non certo con toni gentili. E’ un marchio che rischia di portarsi addosso per sempre”. A una cronista straniera che domanda di soldi e gioielli ricevuti dal presidente del Consiglio l’avvocato Boccardo risponde: “Sì, Ruby ha ricevuto soldi e gioielli, ma non in cambio di prestazioni sessuali”. di Franz Baraggino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Beha: “Inter addio ai sogni champions e di scudetto”

next
Articolo Successivo

Libia, la battaglia di Brega tra insorti e lealisti

next