Avviare un dialogo sul precariato dei free-lance nelle redazioni dei giornali. Questo lo scopo dell’incontro di oggi tra una delegazione del comitato romano giornalisti precari e il presidente della Commissione Lavoro e Previdenza sociale del Senato, Pasquale Giuliano. Secondo il libro Bianco pubblicato nel 2006, i giornalisti con contratto sono 12.000. Mentre i precari (con contratti a tempo determinato o free lance veri e propri) sono circa 20.000. E se il settore editoriale ha accresciuto i propri profitti, i ragazzi e le ragazze poco più che trentenni che oggi volantinavano davanti a Palazzo Madama si vedono pagare i pezzi anche 7, 5 o anche 2 euro lordi. Sempre che al pagamento si arrivi.

Sono giovani, molti istruiti e non velleitari i ragazzi del coordinamento romano. E molto arrabbiati. Non vogliono rilasciare dichiarazioni con il loro vero nome perché hanno paura del ricatto delle loro redazioni. “Siamo fantasmi dietro una firma – dice un ragazzo che si fa chiamare Marco – non abbiamo dignità”. E Cristina, 31 anni suonati e tanta rabbia nel cuore aggiunge: “Non ci sentiamo rappresentati dal sindacato l’Fnsi. Secondo me non sa neanche che esistiamo”. Un comitato composito quello romano: molte le sigle, da “Senza Bavaglio” a “Errori di stampa” fino a “Quattro per cinque”. Sigle protagoniste di battaglie silenziose che i media hanno ignorato.

Dice Matteo: “Tutti sanno che le redazioni si reggono sul lavoro dei free lance. Basterebbe rafforzare gli strumenti ispettivi per verificare il marcio che c’è nelle varie testate”. La richiesta dei ragazzi e delle ragazze del coordinamento è la rappresentanza: quella che, a loro dire, un sindacato arroccato sulla difesa dei privilegi concede col contagocce. “L’Inpgi – dice quasi in lacrime Carla – concede indennità di disoccupazione, di malattia e di maternità a chi è sotto l’ombrello del contratto collettivo nazionale, mentre da noi piove”. A Napoli, i precari hanno tentato un esperimento chiedendo uno sciopero dei redattori ordinari in favore dei free-lance.

Si parla e si ironizza sulla propria condizione. Intanto passa l’onorevole Franco Marini. I ragazzi gli consegnano il volantino. Marini è attento, poi un mesto “ciao”. Si attende che scenda la delegazione. Arriva verso le 16. L’esito dell’incontro in Commissione è positivo. Giuliano chiede di poter esaminare una piattaforma complessiva, elaborata da tutte le organizzazioni dei free-lance d’Italia. I coordinamenti dei giornalisti precari sono ormai diffusi capillarmente nel Paese. “Siamo come gli immigrati – spiega Simona – facciamo l’economia dei giornali ma siamo pagati come schiavi. Qui è in discussione la libertà d’opinione”. Qualcuno dice: “Anche noi dobbiamo fare notizia. Il nostro tempo è adesso”. Il coordinamento nazionale giornalisti precari il 9 Aprile sarà in piazza con tutti gli altri precari d’Italia. Chissà se i giornali ne parleranno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Proposte a precarietà zero”, le iniziative
di “Il nostro tempo è adesso”

next
Articolo Successivo

Record di infortuni nella fabbrica Marcegaglia

next