Oggi davanti all’ingresso del mercato di Porta Portese, a partire dalle ore 11, si è tenuto uno Speech Corner promosso dal Comitato 9 aprile “il nostro tempo è adesso, la vita non aspetta”.

Precari, stagisti, giovani disoccupati, lavoratori autonomi (ma molto vulnerabili) e studenti sono saliti sopra una sedia per raccontare la loro storia di ordinaria precarietà. E in tanti hanno avuto voglia di fermarsi e imitare il gesto per raccontare la fatica di fare tre lavori per mantenersi, l’ansia di passare da un contratto all’altro, l’ingiustizia di retribuzioni ridicole, la frustrazione per il lavoro che non c’è. Tanti genitori si sono fermati e hanno raccontato di figli andati all’estero alla ricerca di opportunità che qui non ci sono, o quanto pesa la precarietà dei figli sul bilancio familiare.

Tante storie diverse con una cosa in comune: la voglia di dire basta a questa situazione. La voglia di riscatto ci porterà in piazza il 9 Aprile a dare voce a tutte le storie che oggi abbiamo ascoltato e alle mille altre che non hanno ancora trovato un canale di espressione.

L’iniziativa di stamane, infatti, rientra nel percorso che porterà alla manifestazione del 9 aprile “il nostro tempo è adesso, la vita non aspetta” che si terrà a Roma e in altre città italiane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ferilli: “Del caso Ruby mi scandalizza più l’abuso di potere”

prev
Articolo Successivo

B. chiama i fan in tribunale ma è un flop

next