Aumenta la pressione su Muammar Gheddafi. Il segretario di Stato americano Hillary Clinton ha chiesto che venga aperta un’inchiesta sul suo possibile ruolo di mandante nell’attentato di Lockerbie che il 21 dicembre 1988 causò l’esplosione in aria del volo Pan Am 103 sui cieli della Scozia e la morte di 270 persone. Secondo fonti libiche, ha detto la Clinton al Congresso, fu il leader libico in persona a ordinare l’attentato.

Un richiesta pro forma quella del segretario americano, visto che l’unico responsabile dell’attentato è l’ex agente segreto libico Abdel Basset ali al Megrahi, condannato all’ergastolo e liberato “per ragioni umanitarie” dalla Scozia, su pressione di Londra, il 20 agosto del 2009. Un team di oncologi sostenne che Megrahi aveva una cancro alla prostata allo stadio terminale e che gli restavano pochi mesi di vita. Diagnosi rivelatasi del tutto errata oltre 18 mesi dopo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Germania, si è dimesso il ministro
che aveva copiato la tesi

prev
Articolo Successivo

Libia, Maroni: “Ci sono un milione e mezzo di clandestini”

next