Ho sempre avuto rispetto e ammirazione per tutti quegli artisti che intraprendono un cammino lento ma costante di costruzione, confronto e miglioramento. Per anni è stato “il” modo di affrontare la musica, adesso è diverso. Ma il dono artistico, l’estro, l’istinto vanno alimentati con costanza, studio e molta determinazione.

E’ quello che ha fatto Amos Lee, trentatreenne cantautore di Philadelphia che negli ultimi dieci anni non si è mai fermato, facendosi le ossa come spalla di Norah Jones all’inizio e successivamente aprendo i concerti di Paul Simon, Elvis Costello, Van Morrison e persino Bob Dylan.

Per ascoltare l’audio clicca qui.

Da pochi giorni la Blue Note ha dato alle stampe Mission Bell, quarto album che nel giro di una settimana è arrivato al n°1 tra i dischi americani. Un bel traguardo, a lungo atteso, ma il successo ai tempi della crisi non regala più aragoste e champagne, bisogna accontentarsi di un filetto di surimi e di un bicchiere di bianco californiano.



Mission bell
di Amos Lee è arrivato al n°1 con sole 40mila copie, il punto più basso mai toccato dalla discografia.

Learned a lot

Peccato perché il disco merita, sia per la capacità di scrittura notevolmente migliorata, sia per lo splendido dosaggio dei suoni e dei colori effettuati dai Calexico dietro al mixer, sia per la presenza di grandi amici come Lucinda Williams, Priscilla Ahn, il leggendario Willie Nelson e l’inarrestabile Sam Beam, alias Iron & Wine in questo pezzo:

Violin

E’ una voce avvolgente quella di Amos Lee che nel suo mondo sospeso fonde in chiaroscuro frammenti unici di rock e soul. Un mondo piacevole da scoprire e da ascoltare.

Per la realizzazione tecnica grazie a Cristiano Ghidotti di www.pianetarock.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Benvenuti su Saturno, il nuovo inserto culturale del Fatto

next
Articolo Successivo

Sanremo, noia e strafalcioni. Gaffe di Morandi sui 150 anni “della Repubblica”

next