“Le foto che abbiamo visto per il momento sono assolutamente irrilevanti ai fini dell’inchiesta”. Così il procuratore capo di Milano, Edmondo Bruti Liberati, commenta le indiscrezioni circolate in questi giorni sulla presenza di immagini importanti acquisite nell’ambito dell’inchiesta sulle feste ad Arcore. In questi giorni, i pm titolari dell’indagine stanno analizzando le foto contenute nei pc e nei telefonini sequestrati alle ragazze che frequentavano le feste del premier. Ma, stando a quanto riferisce Bruti Liberati, si tratterebbe solo di “foto innocenti”, almeno dal punto di vista giudiziario.

Bruti Liberati, inoltre, ha annunciato che la richiesta di giudizio immediato nei confronti di Silvio Berlusconi, accusato di concussione e prostituzione minorile nell’ambito dell’inchiesta sulle feste ad Arcore, “arriverà non prima di lunedì”. Durante il fine settimana saranno analizzati, tra l’altro, i problemi giuridici ancora sul tavolo, a cominciare dalla decisione sulla separazione dei riti per la concussione e per la prostituzione minorile. “Dobbiamo mettere in ordine con calma tutto – dice Bruti Liberati – ci sono dei tempi tecnici da rispettare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Famiglia Cristiana: “Paese spaccato. Una crisi di natura personale, causata dal premier”

prev
Articolo Successivo

Copasir, Gianni Letta: “Berlusconi non è ricattabile”

next