Nella giornata della Memoria, un’immagine racconta più di mille parole la sensibilità di un’artista che Wim Wenders ha raccontato con poesia nel film che verrà presentato al prossimo Festival di Berlino. Per chi ha conosciuto il lavoro di Pina Bausch, un ulteriore momento per ricordare, e ricordando ricordarla. Per chi non la conoscesse ancora, spero di avervi fatto un regalo.

Ist es Tanz
Questa (solo questa) è danza

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cosa accade ‘dietro le quinte’ del museo?

prev
Articolo Successivo

“Gran Torino”, quando politica
e arte hanno lo stesso slogan

next