Nella giornata della Memoria, un’immagine racconta più di mille parole la sensibilità di un’artista che Wim Wenders ha raccontato con poesia nel film che verrà presentato al prossimo Festival di Berlino. Per chi ha conosciuto il lavoro di Pina Bausch, un ulteriore momento per ricordare, e ricordando ricordarla. Per chi non la conoscesse ancora, spero di avervi fatto un regalo.

Ist es Tanz
Questa (solo questa) è danza

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cosa accade ‘dietro le quinte’ del museo?

next
Articolo Successivo

“Gran Torino”, quando politica
e arte hanno lo stesso slogan

next